Il nostro Codice Civile NON è romantico!

Ho terminato da poco un percorso sulla Tutela Patrimoniale che mi consente di potermi presentare a pieno titolo come Consulente Patrimoniale

Nome altisonante, che fa figo, ma come si sostanzia?
"AIUTARE IL CLIENTE A FARE DELLE SCELTE OCCULATE, FINTANTO CHE PUÒ, IN MODO DA SALVAGUARDARE I FRUTTI DEL PROPRIO LAVORO".

Molto spesso si fanno i conti senza l'oste, anzi i due osti: Il Codice Civile e l'Agenzia delle Entrate. Se il primo non è romantico, la seconda lo è ancora meno!

Perché parlo di romanticismo? Semplicemente perché nell'ordinamento italiano non c'è!
Il matrimonio è un contratto e quando una delle parti viene a mancare la comunione si scioglie e interviene la legge per determinare diritti e doveri degli eredi.

In sostanza, con i tuoi beni non sei libero di fare tutto ciò che vuoi. Prevale il concetto di STIRPE, cioè il sangue del tuo sangue. E se questo era già un problema nella famiglia tradizionale o unita civilmente, nelle coppie allargate (di fatto e conviventi) specie in presenza anche di figli da precedenti rapporti, la complessità esplode.

Proprio per questo, il rischio di fare delle scelte guidate dai sentimenti può risultare inefficace o addirittura dannoso. Conoscere prima come ragiona un giudice in caso contenzioso (fra gli eredi, ma anche in vita) è molto utile per poter introdurre tutti quegli accorgimenti necessari a far accadere ciò che si vuole ottenere.

Di strumenti utili a ciò ce ne sono parecchi, qui sotto trovi uno schema riassuntivo. 

La difficoltà più grande

Qual è la difficoltà più ricorrente? Perdersi in un mare di consigli! Non riuscire ad arrivare ad una sintesi e quindi cadere nell'immobilismo. Peccato che poi i nodi vengono al pettine.

Specie se la struttura patrimoniale è complicata, serve armonizzare i consigli del notaio, con quelli dell'avvocato, con quelli del commercialista, con quelli del tributarista e con quelli del consulente finanziario.

Tutti questi professionisti sono dei maestri nel loro campo, un po' come gli archi, i fiati e le percussioni in una orchestra, ma se non c'è un chiaro spartito da seguire e un bravo direttore d'orchestra il risultato è sicuramente cacofonico.

Il bravo Consulente Patrimoniale è questo direttore d'orchestra, che si incarica di capire cosa il "dominus" voglia che accada, quale sia la base di partenza e prefigurare cosa accadrà se si lasciano andare le cose da sole, senza interventi correttivi.

Capito quale spartito si vuole suonare, il lavoro di coordinamento può iniziare.


Un caro saluto.

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

 

Gianni Vaona

Consulente Finanziario Iscritto all’Albo dei Consulenti Finanziari

Ufficio 1

Via Belluno 24
37133 - Verona
 045527822

Per una prima consulenza, scrivimi!

ti contatterò molto presto per concordare data e luogo dell'appuntamento
@
@
@
@