Bitcoin - Cosa succede?

La sua storia in breve

Intorno al 2009, il bitcoin è stato introdotto come sistema di pagamento peer-to-peer digitale che può funzionare senza la necessità di una supervisione centralizzata. Tutte le transazioni sono registrate su una blockchain, un registro pubblico aperto e indipendente. 
Bitcoin non ha mai preso piede come sistema di pagamento a causa della sua lenta velocità di verifica delle transazioni, della mancanza di accettazione nel commercio e degli alti livelli di volatilità, tra le altre carenze.

Bitcoin ha languito negli angoli di Internet per gran parte dei suoi primi anni di vita, ma intorno al 2017 è emersa una narrativa secondo cui dovrebbe essere pensato come un investimento piuttosto che un sistema di pagamento.
Da allora, ha attraversato diversi cicli di boom e crollo dei prezzi, con l'ultimo boom che si è verificato durante un periodo di maggiore interesse per le attività di rischio tra gli speculatori.

Il recente incidente di Bitcoin: non il primo, non l'ultimo

Questo è il tweet di Elon Musk che assieme alla presa di posizione del governo cinese ha causato nelle ultime settimane il crollo che abbiamo visto: da oscillazioni di prezzo in area 50.000$ ad oscillazioni di prezzo in area 30.000$. 

"Tesla ha sospeso gli acquisti di veicoli utilizzando Bitcoin.
Siamo preoccupati per il rapido aumento dell'uso di combustibili fossili per l'estrazione e le transazioni di Bitcoin, in particolare il carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile ".
@ELONMUSK

Sebbene il bitcoin sia stato uno degli asset con le migliori prestazioni al mondo negli ultimi 10 anni, la criptovaluta ha avuto la sua giusta quota di volatilità e correzioni di prezzo.

Utilizzando i dati di CoinMarketCap , questo grafico esamina le correzioni storiche dei prezzi di bitcoin dai massimi storici.

L'oro del futuro... o no?

L'ascesa del populismo e del sentimento antigovernativo negli ultimi anni ha aumentato l'interesse per le criptovalute che possono operare al di fuori del sistema finanziario tradizionale.

Gli speculatori stanno anche guardando al bitcoin perché l'enorme quantità di stimoli monetari e fiscali dispiegati durante la crisi finanziaria globale e la pandemia ha indebolito la loro fiducia nelle valute legali, o valute non esplicitamente sostenute da una merce, come il dollaro USA.

Tale è l'entusiasmo che spesso senti chiamare bitcoin "l'oro del futuro", una riserva di valore al di fuori del sistema finanziario tradizionale in cui il portatore dell'asset rivendica il suo controllo e il suo valore.

Inoltre, il codice originale di bitcoin consente solo 21 milioni di bitcoin, quindi i sostenitori affermano che è prezioso perché è scarso, come l'oro.

Ma le proprietà fisiche speciali dell'oro, come la resistenza alla corrosione, la conduttività elettrica e la malleabilità, gli conferiscono una domanda commerciale sottostante non apprezzata dal bitcoin. Circa il 70% della domanda d'oro proviene da elettronica industriale, gioielli di consumo e banche centrali.

La mancanza di utilità di Bitcoin rispetto all'oro, insieme alla mancanza di flussi di cassa, rende anche la sua scarsità meno significativa, rendendo la criptovaluta più uno strumento di trading speculativo che altro.

Queste considerazioni, unite alle altre di carattere prettamente etico che vi ho condiviso in precedenti articoli, mi spingono a mettervi in guardia da questa e altre forme di speculazione che ci ostiniamo a chiamare "valute". In realtà sono scommesse sul nulla... lo ha capito anche un visionario come Elon Musk!

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

 

Giovanni Vaona

Consulente Finanziario Iscritto all’Albo dei Consulenti Finanziari

Ufficio 1

Via G. Mameli 150
37124 - Verona
 3480615619

Ufficio 2

via Belluno 24
37133 - Verona
 3480615619

Per una prima consulenza, scrivimi!

ti contatterò molto presto per concordare data e luogo dell'appuntamento
@
@
@
@